| Visite guidate

Foto della Visita al Quartiere Montesacro – 16 Aprile 2022

In un’assolata giornata di inizio primavera siamo andati alla ricerca di un quartiere romano, Montesacro, che conserva ancora oggi una sua precisa identità.

Certo, dal 1920 le trasformazioni sono state numerose: i villini inizialmente distesi sulle due colline oltre il fiume e parte caratteristica di Città Giardino Aniene, sono ormai in minoranza, sopraffatti dalle numerose palazzine che li hanno in buona parte sostituiti e circondati.

Per fortuna le strade si muovono sinuose regalando diversi scorci interessanti, e in alcuni casi concedendo un po’ di riposo e pace al di là delle arterie ad alto scorrimento dove la vita urbana si fa frenetica e concitata.

Il nostro peregrinare parte da piazza Sempione, luogo caratterizzato dal dialogo dei diversi edifici che, pur nella loro diversità, circoscrivono il centro del quartiere senza chiuderlo del tutto: dal palazzo civico alla chiesa, passando per i blocchi abitativi, tutto sembra in armonia e accoglie senza esitazione, in una dimensione un po’ paesana, il visitatore che arriva dalla Nomentana.

Passando tra i diversi ponti che superano l’Aniene fino ai luoghi di Menenio Agrippa prima e Simon Bolivar poi, ci addentriamo nella parte alta avendo modo di osservare i caseggiati dell’ICP che ancora nascondono al loro interno spazi semipubblici di pace e di convivialità.

Il cammino prosegue verso la parte alta di Montesacro dove sono presenti il mercato coperto, da poco restituito alla collettività, e l’Ex GIL di Minnucci che dai fasti degli anni Trenta ha subito un progressivo e inesorabile declino: il suo frazionamento in diverse funzioni (poste, scuola, palestre ed altro ancora) non permette un riconoscimento immediato ma, come il resto del quartiere, si apprezza attraverso un’osservazione attenta e senza fretta.

Al ritorno ci perdiamo tra i villini sopravvissuti e i glicini in fiore. Il tempo di sostare di fronte alla casa di Ennio Flaiano e siamo già su viale Adriatico.

Un’ultima svolta e attraversiamo uno degli archi di passaggio che ci riporta in piazza Sempione.

(Visited 4 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter!

Resta aggiornato e ricevi le nostre newletter d'arte, i video e tutte le informazioni sugli eventi in programma.