| Visite guidate

Foto della Passeggiata da Campo de’ Fiori al Lungotevere (Kentridge) – 10 Aprile 2021

Abbiamo ripreso ieri mattina le nostre visite guidate in una fresca giornata di primavera, e senza la pioggia prevista. A conclusione di un ciclo di tre lezioni online sull’arte pubblica, ci siamo dati appuntamento a Campo de’ Fiori, sotto la statua di Giordano Bruno. Come spesso succede, abbiamo scoperto che, pur sotto i nostri occhi da sempre, poco conoscevamo quest’opera le cui complesse vicende storiche sembrano riecheggiare quelle della vita del filosofo e frate domenicano. Verrebbe da pensare che non poteva che essere così. Associamo Giordano Bruno all’arte della mnemotecnica, della simulazione e della dissimulazione oltre che alla straordinaria modernità di diverse sue intuizioni scientifiche. Quando il libero pensiero ha briglia sciolta.

L’idea di erigere un monumento in ricordo della sua tragica fine, il rogo in Campo de’ Fiori il 17 febbraio 1600, nasce da un comitato studentesco, favorita dalla salita al governo della sinistra storica nel 1876. Le difficoltà del progetto sono state diverse, a cominciare dalla scelta dello scultore, caduta infine su Ettore Ferrari, uno fra i più importanti artisti dell’epoca, massone e anticlericale. Scontata l’opposizione del mondo ecclesiastico ma anche del consiglio comunale, talchè si dovrà attendere il 9 giugno del 1889 per la sua inaugurazione. Una curiosità poco nota è che una prima versione poi rifiutata ricordava iconograficamente la Statua della Libertà. Decisamente troppo per l’Italia di fine ‘800.

La nostra passeggiata è quindi proseguita verso il lungotevere, davanti al tratto di muraglioni che ha fatto da supporto al fregio ‘Triumphs and Laments’ dell’artista William Kentridge. Dell’opera, nata per ‘sottrazione’ della patina di limo e inquinamento accumulatisi sul travertino, non rimane più alcuna evidenza. Ma tutto era stato previsto quando fu inaugurata 5 anni orsono: l’immagine che sbiadisce e si dissolve nel tempo acquista un significato emblematico per Roma, città eterna.

Filosofia, storia ed arte che si richiamano … ringraziamo la nostra guida Matteo Piccioni per la consueta competente presentazione e tutti i nostri soci per la partecipazione all’evento.

(Visited 20 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter!

Resta aggiornato e ricevi le nostre newletter d'arte, i video e tutte le informazioni sugli eventi in programma.